mercoledì 1 gennaio 2014

"Dimmi chi sei e ti dirò dove vai..."

Si iniziano a muovere i primi veri passi verso gli States; infatti, dopo una quiete al limite dello snervante per la povertà di informazioni, è arrivata l'e-mail che mi invita a compilare il mio profilo personale. La cosiddetta "Application" vagherà per gli Stati Uniti alla ricerca di una famiglia così audace da volermi ospitare 9 mesi (e di coraggio ce ne vuole...). Va detto che le domande del questionario sono degne dell'interrogatorio a cui verrebbe sottoposto qualsiasi famigerato serial killer una volta catturato: viene chiesto infatti di descrivere aspetti della vita quotidiana dei quali personalmente ignoravo l'importanza e talvolta la reale esistenza...



Eccola 'l'Application', un simpatico formulario diviso in 17(!!) parti tutte da compilare e con un lasso di tempo relativamente breve. Oltre ai dati personali bisognerà anche scrivere una lettera di circa 450 parole alla futura famiglia (anche se per ora non ne ho effettivamente una..) e inserire un album di proprie foto! Il fine di questa intervista è di 'vendersi' alle famiglie che dal 'catalogo' con tutti gli studenti dovranno scegliere proprio me, e in questo senso dovrò cercare di apparire il più piacevole possibile !

Compilato tutto e spedito ho paura che mi aspetterà un'ancora più lungo periodo di quiete, con la consapevolezza, questa volta, che un altro mattoncino è stato posato per comporre la mia strada verso gli Stati Uniti.